20
Mag
07

Rigurgiti di abbattimento

Ci ho provato. Ho cercato di non deprimermi, almeno, ulteriormente. Sì, ardua impresa per me in questo periodo.

Era iniziata abbastanza bene, con un nuovo esperimento grafico (solo nei miei migliori periodi produco qualcosa di buono…), con perfino un progetto di rinascita (noitre.org, vi dice più nulla?). Un progetto di ribellione, quasi.

Invece è bastato un saluto. È bastato chattare con una persona (colpa sua non è, ci mancherebbe altro!), è bastato vedere ancora una volta cosa una persona normale realizza nella sua giornata, per rigettarmi nello sconforto più totale. Che non è peraltro diverso dallo sconforto parziale, se non nell’attaccarsi al fisico, alle lacrime che scendono, alla gola che si stringe.

È bastato, dicevo, vedere (in chat, sarà un vedere?) una persona normale: una persona che a mezzanotte torna a casa da una serata con amici, come ogni settimana; che domani mattina deve cantare in chiesa alle prime comunioni; che oggi ha fatto uno spettacolo, e che domani deve lavorare.

Una persona che non getta alle ortiche ore della sua unica e sola vita, qui, davanti ad un accrocchio di cristalli liquidi messi insieme a mostrare immaginifiche visioni digitali. Non il lavoro, non il canto, né lo spettacolo, mi hanno rotto il fiato; bensì il pensiero di una serata con amici.

Confesso di aver spesso sognato di essere una persona normale al sabato sera. Alcuni se ne meraviglieranno, perfino; ma io vorrei poter uscire la sera. Non posso, perché altrimenti non sarei un completo sfigato, e non avrei quindi più neppure un campo in cui poter eccellere… Non posso, perché non ne ho il coraggio. Non posso, perché non voglio guidare. Non posso, perché… sono io, il solito sfigato.

“Ma non potevo non uscire con i miei amici….”, tutto qui, tutto in una frase quello che io non sono.

Metamorfosi serale: iniziata con pensieri positivi, con il sogno di un domani, con il pensiero di passare un esame… chissà, perfino di un bacio (fieri sentio… e che senso ha un pensiero del genere, ossessivo?, senza alcuno scopo…). Finita con la convinzione che, no, non sarò mai così.

Mondo crudele… o almeno, così lo voglio vedere.

Annunci

1 Response to “Rigurgiti di abbattimento”


  1. 1 Anonimo
    22 maggio 2007 alle 01:09

    Ciao!
    Mamma mia, la cosa è proprio grave!
    Ti dico la verità, a leggere questi post mi sembrava di leggere la vita di un 40enne sfigato, che ormai ha sprecato la sua gioventù e niente potrà mai ridargliela. Ma sono sicuro che non è così.
    Tu non sei un 40enne sfigato. Tu sei solo un ragazzo un pò deluso da alcuni avvenimenti della vita. Ma queste cose (almeno quelle che ho letto) non accadono solo a te. Ci sono molti ragazzi alle prese con i problemi di cuore, che cercano di capire cosa sarà della propria vita o che stanno male al solo pensiero che molte cose belle del passato sono finite.
    Io non sono uno psicologo o un uomo vissuto, sono un semplice ragazzo, come te, alle prese con i suoi problemi. Ma lasciati dare un consiglio: prova ad abbandonare questo pensiero negativo, datti da fare, riprenditi la tua gioventù! E’ comodo dare la colpa alla vita! Ma siamo noi gli artefici del nostro destino. Gli anni passano velocemente e in un attimo ti ritrovi un 40enne solo! Fa che questo non accada. Dai una possibilità a quelle persone che ti credono un amico. Prova tu stesso a vedere quelle persone come amici.
    Fatti forza e buona fortuna!

    FIRMATO
    un ragazzo come te: NORMALE

    P.S. nei prossimi giorni leggerò ancora il tuo blog se vuoi puoi rispondermi scrivendoun nuovo post.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: