13
Giu
07

Riprendiamo?

Quanto tempo, blog… sì, tanto tempo senza una riga qui.

Neppure tanto, in fondo. Pensandoci, non mi sembrano passate settimane dall’ultimo post… La mia vita è così monotona, non mi da’ la possibilità di vedere il tempo passare…

Invece sembra un’eternità che non sento più Barbara. Stavo per scrivere mia, lo sai… Ma mi sono trattenuto. Non so dirti perché, se per il fatto che mi sentirei ancora più imbecille, o per rispetto nei suoi confronti, o… cosa…

Come sto? Mah, risponderò sempre mah. Tutti i giorni mi sveglio tardi, controllo le e-mail (ovviamente, casella vuota, solita spam e newsletter…), poi alle 13 la posta cartacea, vedere se Francy ha risposto…

Lo so, non risponderà mai, pia illusione. Chissà cosa mi aspettavo da lei, dopo averla accusata di fregarsene totalmente di me. Sì, va beh, in parte può essere vero, ma non è questo il modo di comportarsi. Non credi? Ma certo non sono io colui che sa come comportarsi, e che decide per il meglio.

Altra vita? Meno di quanta ne abbia tu, mio blog. Credo tu abbia più visite di me (anzi, ne son convinto). Piccola eccezione, i 2 giorni di seggio elettorale. Certo che il buon Dio di belle ragazze ne ha fatte, eh?

Ah, lo so che a te non interessano più di tanto… Sei solo un insieme di files e record in un database… E, disgrazia, dipendi da me, completamente. Ma a me interesserebbero…

Eppure, ogni volta che vedo una mia coetanea, salta alla mente un pensiero fisso: “non è per te”. Non io, non mai io. Chi sono io per tutto ciò? Cosa richiede una storia, una relazione? Richiede un noi, e quindi un io. Non ho un io da offrire, un io sicuro…

Guarda solo con Barbara. Cosa è mancato? Io, solo io. Avessi una mia personalità, un mio io che sceglie… Invece ho avuto solo i miei dubbi, nulla più; e di ciò ha avuto paura. Ah, ma non credere che sia l’unica! Eh, no… Non sai quante persone condividono i suoi pensieri… Faccio fuggire, altroché.

Beh, non arrivando all’addio, o almeno non ancora. Ma alla indifferenza, quello sì… Più che altro, al “conoscenti”: ci si vede, magari connessi, “ciao” “ciao” e tutto è finito, senza domande, senza risposte, ci si chiude in una informale e cordiale tregua, isolati. Magari alcuni neppure se ne rendono conto.

Io sì, e l’hai visto anche tu… Più succede così, più cerco di isolarmi, di abbandonare tutto . Non mi vogliono? Non mi avranno, e come loro, così tutti gli altri. Vedrai che vacanze tristi, anche queste… Troverò un modo anche questa volta per “tirare il pacco” ai pochi che mi inviteranno. Oh, beh, poco male. Devo vedere anche a quello che gli altri dicono di me, vero? E visto che tutti ormai dicono che ho ciò che mi merito, che me le cerco, che non devo lamentarmi…

Almeno tu non pensi… Così non devo farmi problemi. Ecco perché scrivo: non devo confrontarmi, almeno sul momento. Ti leggeranno? Beh, è una delle regole del gioco, ben venga. L’importante è che mentre penso io possa fare quello che voglio, senza le migliaia di pare mentali che mi bloccano. Ieri, pensa, un’amica mi ha chiesto quale fosse il mio gusto preferito, come gelato… Beh, mi sono accorto che ho passato tutta la vita a non scegliere… Non ho una canzone preferita, non un piatto, un colore, un fiore, non una stagione, né un gusto di gelato, appunto. Nulla di tutto ciò. E perché? Per non essere giudicato in queste scelte, non le ho mai fatte…

Ah beh, facile, potresti dire. Eh no, invece per me non lo è. Perché? Ma ovvio, per nessun motivo! Semplicemente, non lo farò mai, sarò sempre questo sfigato di ragazzo… anche quando non sarò più 19enne, sarò un adulto sfigato, un anziano sfigato… Se mai ci arriveremo, mio blog…

Buonanotte, blog. Ci sentiamo, dai. Qualcosa sull’opensource da scrivere ce l’ho ancora, ed anche di politica. Ma non oso scrivere, perché temo ormai il giudizio di chi mi legge. No, non un giudizio qualitativo; ma un giudizio sugli argomenti…

Annunci

2 Responses to “Riprendiamo?”


  1. 1 Yriaf
    18 giugno 2007 alle 15:06

    …. un giorno l’altro lo sai.. farai i conti cn tutto ciò… volente o nolente.. e lo sai… e sai anche che t voglio bene e che, io non sono gli altri… io sono una tua amica… perchè ho fatto la scelta d esserlo, e perchè ti voglio bene… gli altri.. gli altri.. io nn me ne andrò… e lo so che t sto sul cazzo e che dici “vedremo”… bene allora t rispondo “vedrai!”… t voglio bene Dami

  2. 2 Ale
    18 giugno 2007 alle 16:30

    se avessi fossa a sufficienza te ne regalerei, ma deve essere una grande quantità, per andare in gelateria, scegliere un gusto e mangiarti un gelato. E sai che quello che ti voglio dire non si ferma qui.
    Tu sai cosa vuoi e forse sai pure come prendertelo, ma ti serve la forza, il coraggio e la voglia.
    A tutti quelli che ti giudicano tira il gelato che hai appena comprato, così che capiscano che è peggio sporcarsi per mano di altri.
    Rifletti ancora una volta su quello che ti dico e quello che ti ho sempre detto.
    in tanti ti vogliamo bene, prendici e sostituiscici ai tuoi brutti pensieri.
    Tre baci.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: