16
Lug
07

There are two [1]

Ci sono due esami.

Uno è quello per cui ti iscrivi, e studi per avere un bel voto. Puoi passarlo, o anche non passarlo, e la cosa non ti interessa personalmente, se non per gli effetti che quel numero può avere. L’altro è quello che ti fai tu, che guardi a cosa hai ottenuto, raggiunto, voluto. A volte, sì, coincide con quello “accademico”; ma spesso non dipende dal numero, e anzi spesso ci sono esami senza voto, senza registro, senza libretto.

Siamo sempre sotto esame, non fosse altro perché ci muoviamo tra altri, e non da soli. Ma, non credete, l’esame non ce lo fanno gli altri. Meglio, non è quello che ci fanno gli altri ad interessarci; ne vedi magari gli effetti, ma non è nulla di tuo. La bocciatura è sempre nostra, siamo sempre noi a scrivere con matita rossa sul nostro cuore un “Respinto”. Conosco ragazzi che non hanno mai avuto fortuna con la scuola, né con gli studi; l’esame primo sarà pure fallito. Ma il loro esame, la loro promozione, c’era, e la forza viene da quella, non dal giudizio altrui.

Oggi non ho passato l’ennesimo esame. E non quello del giudizio, che potrebbe anche essere maggiore di 20; bensì il mio, ennesimo, processo sommario. Si sa, quando in un tribunale il giudice è anche imputato non può venire nulla di buono. Di solito, è assoluzione certa; per me, la condanna è l’obiettivo.

Ho affrontato la prima parte dello scritto, ho scoperto di avere fatto errori, e sono fuggito. Non ho avuto coraggio. In autobus, stavo per scoppiare in lacrime, quelle lacrime che lasciano solo il sale; e dove c’è il sale, l’erba non crescerà.

Quando capirò?

«Mi sento solo in mezzo alla gente,
osservo tutto ma non tocco niente,
mi sento strano e poco importante
quasi fossi trasparente,
e poi…

Resto fermo e non muovo niente,
la sabbia scende molto lentamente
l’acqua è chiara e si vede il fondo,
limpido finalmente…»

E. Finardi, “Le ragazze di Osaka”

Annunci

2 Responses to “There are two [1]”


  1. 15 dicembre 2009 alle 08:43

    Mi piace quello che scrivi… a me non è mai capitato…Per fortuna non mi è mai capitato di prendere meno di 5!.
    …Ma fa pensare, mi piace come scrivi, come pensi…E se chiedo notizie di te al prof mi risponde: chiedilo a lui… allora nascondi qualcosa?

    Ciao. risp.

    • 15 dicembre 2009 alle 10:05

      Il prof ne sa una più del diavolo 😀
      Beh, a me purtroppo è capitato, varie volte. Alle superiori, ma soprattutto all’università. Ma il voto peggiore che prendo è sempre e solo quello che mi do’ da solo, e non su quello che studio, no… su quello che faccio o sono, certe volte!

      Beh, cosa dovrei nascondere, cara Stefania? Qui dentro c’è un po’ di me, cose che forse sanno solo i miei amici più cari… il resto, basta chiederlo! 🙂


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: