16
Lug
07

There are two [1]

Ci sono due esami.

Uno è quello per cui ti iscrivi, e studi per avere un bel voto. Puoi passarlo, o anche non passarlo, e la cosa non ti interessa personalmente, se non per gli effetti che quel numero può avere. L’altro è quello che ti fai tu, che guardi a cosa hai ottenuto, raggiunto, voluto. A volte, sì, coincide con quello “accademico”; ma spesso non dipende dal numero, e anzi spesso ci sono esami senza voto, senza registro, senza libretto.

Siamo sempre sotto esame, non fosse altro perché ci muoviamo tra altri, e non da soli. Ma, non credete, l’esame non ce lo fanno gli altri. Meglio, non è quello che ci fanno gli altri ad interessarci; ne vedi magari gli effetti, ma non è nulla di tuo. La bocciatura è sempre nostra, siamo sempre noi a scrivere con matita rossa sul nostro cuore un “Respinto”. Conosco ragazzi che non hanno mai avuto fortuna con la scuola, né con gli studi; l’esame primo sarà pure fallito. Ma il loro esame, la loro promozione, c’era, e la forza viene da quella, non dal giudizio altrui.

Oggi non ho passato l’ennesimo esame. E non quello del giudizio, che potrebbe anche essere maggiore di 20; bensì il mio, ennesimo, processo sommario. Si sa, quando in un tribunale il giudice è anche imputato non può venire nulla di buono. Di solito, è assoluzione certa; per me, la condanna è l’obiettivo.

Ho affrontato la prima parte dello scritto, ho scoperto di avere fatto errori, e sono fuggito. Non ho avuto coraggio. In autobus, stavo per scoppiare in lacrime, quelle lacrime che lasciano solo il sale; e dove c’è il sale, l’erba non crescerà.

Quando capirò?

«Mi sento solo in mezzo alla gente,
osservo tutto ma non tocco niente,
mi sento strano e poco importante
quasi fossi trasparente,
e poi…

Resto fermo e non muovo niente,
la sabbia scende molto lentamente
l’acqua è chiara e si vede il fondo,
limpido finalmente…»

E. Finardi, “Le ragazze di Osaka”

Annunci

2 Responses to “There are two [1]”


  1. 15 dicembre 2009 alle 08:43

    Mi piace quello che scrivi… a me non è mai capitato…Per fortuna non mi è mai capitato di prendere meno di 5!.
    …Ma fa pensare, mi piace come scrivi, come pensi…E se chiedo notizie di te al prof mi risponde: chiedilo a lui… allora nascondi qualcosa?

    Ciao. risp.

    • 15 dicembre 2009 alle 10:05

      Il prof ne sa una più del diavolo 😀
      Beh, a me purtroppo è capitato, varie volte. Alle superiori, ma soprattutto all’università. Ma il voto peggiore che prendo è sempre e solo quello che mi do’ da solo, e non su quello che studio, no… su quello che faccio o sono, certe volte!

      Beh, cosa dovrei nascondere, cara Stefania? Qui dentro c’è un po’ di me, cose che forse sanno solo i miei amici più cari… il resto, basta chiederlo! 🙂


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...


Ubuntu 10.4 Countdown

Scarica Firefox 3.6!

Spread Firefox Affiliate Button

Le mie foto su Flickr

Spread Firefox Affiliate Button

Scaricate Ubuntu!

Linux Counter user #417115

The Ubuntu Counter Project - user number # 243

RSS last.fm – brani recenti

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Nota di burocratese spinto

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»
Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: