Archive for the 'Commenti liberi' Category



02
Feb
07

Thinking

In nineteen fortyfive I came to this planet.
Ascoltavo ieri sera un cantante, uno dei tanti,
e avevo gli occhi gonfi di stupore
I’ve seen many things in this part of the world
nel sentire: “il cielo azzurro appare limpido e regale”
let me tell you something
(il cielo a volte, invece, ha qualche cosa d’infernale).

In questi giorni continuo a chiedermi perché io sia così strano, eppur così “amato”.

Non equivocate… Solo, pur essendo un depresso deprimente, senza alcun motivo per le sue uscite nere fumo di londra, è strano vedere e sentire persone in chat, e dal vivo, che ancora parlano con me, che perfino dicono che hanno motivi per ammirarmi. Non li vedo, e capisco poco…

Eppure restano persone che vogliono essermi vicino, che nn capiscono perché io sia così “severo” con me stesso (e se avessi motivi?…), ed in effetti ci sono momenti che neppure io riesco a trovare motivi, ma questa stessa cosa diviene un motivo… e mi mantiene nella stessa depressione…

E poi mi dispiace per loro… Se neppure io vorrei stare con me, perché dovrebbero volerlo loro? Io ne sono obbligato, e almeno nn resto solo, senza me stesso, ma altri… siete liberi, fuggite! (… e mi sembra di gridare al vento, o a me stesso, senza che nessuno oda… meglio così, forse).

Strani giorni viviamo strani giorni.

Cantava:

life can be short or long

sento un rumore di swing provenire dal Neolitico,

it depends

dall’Olocene.

where you go at night

Sento il suono di un violino

alone and walking alone through the grey Sunday streets

e mi circondano l’alba

looking for someone

e il mattino.

the place was clean well lit

Chissà com’erano allora

I went in and I said (I suppose I said)

il Rio delle Amazzoni

whisky please

ed Alessandria la grande

the place was clean well lit

e le preghiere e l’amore?

two men in a corner were waiting

chissà com’era il colore?

I saw it from their hands

you look at the hands
not at the face
if you want to stay out of trouble

Eppure a volte sono perfino orgoglioso di me. Ma sono sincero quando sono orgoglioso di me stesso, e “mento” quando mi faccio schifo, o è il contrario, lo schifo è sincero e forte, mentre il resto è peccato di superbia? Neppure conosco me stesso…

A volte faccio cose che mi rendono “orgoglioso”. Ma sono abbastanza vaccinato a queste cose: ormai ho una scorza abbastanza dura, riesco a trovare abbastanza rapidamente un motivo per non vantarmi di ciò che ho fatto…

Mi lambivano suoni che coprirono rabbie e vendette
di uomini con clave
ma anche battaglie e massacri di uomini civili.

looking for someone

L’Uomo Neozoico

where you go at night

dell’Era Quaternaria.

Strani giorni viviamo strani giorni.

strange days I lived through strange days

Ma la gente che meno capisco, di coloro che mi stanno attorno, sono le persone con le quali parlo frequentemente (o sempre…) in chat. Le capisco poco, sebbene le apprezzi molto.

Dal vivo posso anche avere momenti di “lucidità”, nei quali, magari dimenticando quanto io riesca ad essere goffo, o cose del genere, posso risultare brillante. Ma in chat sono “puro spirito”, e do’ sfogo esclusivamente al mio cervello, senza che il mio corpo lo costringa a mantenersi in alto, e attivo in cose meno distruttive. Se la mia mente va a sfogo puro, divento prevenuto, restio ai consigli, testardo, depresso completamente… La mia Weltanschauung (visione del mondo e delle cose) diventa inutilmente, incurabilmente, testardamente cupa, soprattutto su di me.

Come quindi sopportarmi? Ecco, questo non ho ancora capito…

Nella voce di un cantante
si rispecchia il sole
ogni amata ogni amante.

Strani giorni viviamo strani giorni.

I’ve fallen into reverie
I dreamed a vague outline
the whisky flowed
sending me into the past
action roll the cameras
here comes a lighting tour of my life

Eppure ci sono persone che adoro, e che ringrazio per tutto ciò che sono per me. Se siete arrivati fino alla fine di questo post E mi conoscete, siete tra queste… (se non mi conoscete… potreste esserci in futuro… quizas).

Però, concedetemi di nominare qualcuno, in particolare. Persone che non credo di aver mai nominato qui. E non meritano di essere ignorate, proprio qui.

Grazie, Barbara, per tutte le giornate in chat… Rientri pienamente nella seconda categoria, e proprio per questo ti ammiro…

Grazie, Ale, che rientri nella categoria 1 e 2, e che hai ormai una forza di resistenza alle mie parole invidiabile…

Grazie, Luca, anche per quando non riesco a comprenderti.

Grazie, Salvatore, sebbene non ci conosciamo… Ma quando più credo che non serva il blog, ci sei tu…

Grazie, Danix. Perché per svuotare una persona piena di dubbi, non ci vuole una persona grande, ma ci vuole una grande persona!

Trascurerò i nomi delle varie persone che in vario modo mi tirano su. Ma ci siete…

E continuo a non capire.

the two in the corner didn’t say a word

Canzone vista a tratti in questo post: F. Battiato, “Strani giorni”

Annunci
28
Gen
07

Se sperate di non perire

Non gridate più

Cessate d’uccidere i morti,
Non gridate più, non gridate
Se li volete ancora udire,
Se sperate di non perire.

Hanno l’impercettibile sussurro,
Non fanno più rumore
Del crescere dell’erba,
Lieta dove non passa l’uomo.

Giuseppe Ungaretti
(1888 – 1970)

Sebbene in ritardo, è doveroso un post per ricordare la shoah, lo sterminio di ebrei e “esseri inferiori”, come anche tutti i caduti di tutte le guerre.

Non succeda mai più, se speriamo di non perire.

22
Gen
07

well, there must be

Dont feel bad for me
I want you to know
Deep in the cell of my heart
I really want to go.
The Smiths, Asleep

Questa è la canzone che un po’ sento mia in questo periodo. Tristissima e struggente… Strana, per giunta.

Ed in questo periodo in effetti mi sento molto “in transito”.

Si sta concludendo un semestre, il primo della mia vita universitaria; oggi ho saputo del 27 nel mio primo scritto, ma non ne ero felice. Un sorriso mezzo triste, mi è sembrato, come quando affiorano alla mente bei ricordi di un tempo che fu. Quando un bel voto mi dava un po’ di felicità, quando erano ancora cose importanti per me, quei giudizi su foglio protocollo.

E si sta concludendo un sito, noitre.org. Ho tristemente dato l’annuncio di chiusura del forum, questa notte. Un po’ è una liberazione, un po’ (forse di più) è un pezzettino di mia vita che getto alle spalle. Sì, è abbastanza stupido, come pezzettino, e può sembrare irrilevante. Ma era un sogno, uno di quei sogni che riesci a vedere all’orizzonte, quasi concretizzati. Se vengono abbattuti prima di arrivarti tra le mani, diventano pesanti, massi, da gettare alle spalle…

There is another world
There is a better world
Well, there must be
Well, there must be…

18
Gen
07

… e se finisse?

Ok, stasera sono ufficialmente giù.

E wordpress non fa nulla per aiutarmi! O meglio, il mio bel wordpress è perfetto, senza macchia né paura. Ma è forse troppo perfetto, e include anche un pulsante “Cancella Blog”.

Non so esattamente cosa faccia, temo persino a provarci, ma purtroppo è una tentazione troppo forte per i momenti di depressione. Penso che in uno dei miei momenti di anti-depressione (ovvero: non propriamente sereno, ma piuttosto “stufo di essere depresso”) scriverò a wordpress.com per chiedere di eliminare il pulsante “Cancella Blog”, o disattivarmelo. Non sarà possibile, ma magari ci provo…

Tutto questo, per dire che ultimamente il mio blog mi sta portando un po’ in crisi (ulteriore), e non vedo molti motivi per i quali tenerlo in piedi. Sono abbastanza pessimista su queste cose (ovvero su tutti i miei progetti, dopo il momento immaginifico iniziale)…

Quizas.

11
Gen
07

Certe volte ritornano…

Devo al mio blog un nuovo post, credo… Visto così mi sembra così triste!

Intanto, anno nuovo grafica nuova. Ho rinnovato il tutto, giustamente sostituendo il tema natalizio che dopo l’epifania era abbastanza fuori luogo sul blog di uno che mal sopporta il natale…

Poi, anno nuovo esami nuovi! L’8 c.m. ho sostenuto il primo scritto ufficiale della mia storia di matricola, di Fondamenti di Programmazione. Miseramente ho creato un ciclo infinito (un while senza modifica della condizione…) e un passaggio per valore di un paio di struct. Insomma, le mie cagatine le ho fatte, da far ridere persino i programmatori della domenica. Va beh, mi rifarò con il progetto e, eventualmente, ripetendo lo scritto al primo appello (questo era un preappello).

Nel “buco” tra l’inizio dell’anno nuovo (a proposito: buon anno, bella gente!) e lo scritto di programmazione, mi sono recato a Castelgandolfo (RM), per un “convegno” del Movimento dei Focolari (scrivo convegno, sebbene mi si accapponi la pelle al solo pensiero di definire quei 4 giorni un “convegno”…). Cosa ho fatto? Beh, difficile da spiegare. Ma vi basti sapere che è stato sufficiente ad obbligarmi a rimettere tutta la mia vita in discussione. Poi magari sto vivendo come prima, ma chissà… la mente lavora, e anche la vita…

E non appena tornato “nel mondo” (in quei 4 giorni non ho né visto tv né letto giornali, un po’ di sana disintossicazione), beh, sono stato assalito dalle brutture di questo mondo. Dalla strage di Erba (mio Dio…), alla strage di Ustica (come volevasi dimostrare… ci manca solo che diano la colpa dell’esplosione ad uno starnuto del pilota), a Calderoli (sul tricolore, “Oggi nel giorno del suo anniversario, dovremmo avere il coraggio di metterlo nel cassetto”… quanto vorrei piuttosto archiviare lui), alla raffica di violenze sessuali in questi giorni nella mia Parma.

Eppure…

“Non abbiate paura, io ho vinto il mondo”
(Gv 16,33)

24
Dic
06

Vista, Novell ed il 2007 di GNU/Linux

Oggi stavo pensando un po’ al mio blog… All’inizio mi ci mettevo di impegno, con post scritti con tutti i crismi, interessanti e che attiravano un minimo di dibattito. In questo periodo invece mi sento sempre inadatto a scrivere del mondo…

Però ho promesso un post sul mondo del free software (e della tecnologia), per come lo vedo io. Tutte e solo notizie ovvie-e-datate, con commenti stupidi da parte mia!

Vista è uscito, e penso di averlo già detto. Il 30 gennaio ce lo ritroveremo nelle reni senza bah, senza chiedere la nostra opinione: miliardi di bytes verranno sacrificati alle incredibili scelte di implementazione di Micro$oft, miliardi di cicli delle nostre cpu (ormai tutte le nuove dual core, quindi raddoppiano anche i cicli…) e delle nostre vpu (processori della scheda video, n.d.a.) verranno gettati al vento per tante belle trasparenze del cavolo e per vedere le finestrine in 3d…
Mi verrebbe da proporre una giornata di lutto in memoria del sacrificio inutile di tanti piccoli 0 e 1… innocenti e indifesi, sono stati immolati all’altare di Winzozz… 30 gennaio, giornata della memoria. Leggi il resto

23
Dic
06

Xmas

Come saprete, sopporto a malapena le feste natalizie (non che io sopporti molto di più le vacanze estive…).

Motivo? Non la festa del natale di N.S. Gesù Cristo, neppure l’albero di natale o il presepe o le luminarie, neppure il consumismo esasperato (che comunque cerco di contrastare).

Piuttosto, le ferie sono periodo di calma. Se sono calmo penso. Se penso mi deprimo. 2 settimane in casa senza neppure lo “svago” dell’università…

Oggi ho visto questo bel tema natalizio per il blog, che è l’unica cosa che mi è venuta un minimo bene in tutto questo tempo, ed ho voluto impostarlo per dare un segno della mia non-assenza… Se non scrivo, non è perché vi ignori, ma piuttosto perché ogni volta che mi metto davanti allo spazio bianco mi blocco, e mi si cancellano i ragionamenti dalla testa…

Auguri a tutti quelli che leggono queste pagine, a quelli che mi sopportano, a quelli che mi aiutano (molti), a quelli che conosco, a quelli che non conosco, a quelli ai quali è servito qualcosa di ciò che hanno letto qui, a quelli che mi hanno lasciato un commento.

Auguri a tutti, belli e brutti. Che almeno per noi possa essere un buon natale… e che ci siano sempre più persone contente nel loro cuore anche del solo esistere.




Ubuntu 10.4 Countdown

Scarica Firefox 3.6!

Spread Firefox Affiliate Button

Le mie foto su Flickr

Spread Firefox Affiliate Button

Scaricate Ubuntu!

Linux Counter user #417115

The Ubuntu Counter Project - user number # 243

RSS last.fm – brani recenti

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Nota di burocratese spinto

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»
Annunci