Archive for the 'Weblog' Category

07
Giu
11

Save the night time for your weeping…

E tornare a casa, trovarsi soli sotto il cielo schiarito dalle luci.

E ripensare agli amici, a chi ti parla. E a chi hai perso, a chi perdi, a chi perderai. Ma anche a chi hai incontrato. Per poi allontanare.

E pensare alla tua vita, a cosa ci stai facendo. E a quanti la pagherebbero oro, se solo potessero averla.

E sapere che potresti dare retta alle peggiori fantasie che hai, e perdere tutto. E pensare a cosa lasci. Ma un miagolio ti riporta in lacrime a guardarti attorno. Per pensare a quella bestia che è tanto fiera del suo miagolio che somiglia tanto a quello di un gatto.

E piangere a larghe gocce, senza remora, ché in fondo fa pure bene. E confondere le lacrime nella pioggia estiva, che senti avvicinarsi da dietro, che arriva, a larghi passi, che ti copre, e poi ti supera.

E vedere come siano passati tanti anni senza che nulla sia cambiato. E pensare alle stesse frasi che ritrovi scritte dallo stesso te, ma qualche anno fa. Ma in fondo anche questo è andare avanti, anche scoprire che sei fermo. Per pensare a cosa ti potrebbe aspettare.

E immaginare una vita diversa, senza più accontentarsi, prendendo quello che desidero. E desiderare quello che sono nato per desiderare, e abbandonare cosa penso gli altri pensano di me, nel mondo della mia immaginazione.

E ascoltare una canzone senza capire cosa ti trasmetta, ma senza potertene staccare. E scrivere, dopo mesi, qualcosa su di una pagina, pensando che la prossima volta vorrei mettere qualcosa di scritto davvero. Ma non so se e quando scriverò ancora, non ne ho la costanza, anche se vorrei. Per non dimenticarmi.

…singing lalalalalalalalaiy!

 

 

Annunci
07
Nov
08

E ci siamo arrivati!

Mesi fa io e il buon There (Simone) ci siamo imbarcati nell’avventura fumettistica. Lui s’è addentrato nello stress del “creativo a tempo”, io nell’assurdo del “colorare un disegno”.

Non pensavamo proprio di farcela… O meglio. Io non pensavo di farcela… finché non ho visto le prime strisce disegnate!! Ora, come direbbe Obama, “putting lipstick on a pig” non lo trasformerà in qualcosa di diverso da un maiale. Non è che due o tre campiture uniformi di colore (estremamente monotone e semplici, chiaramente) cambiano molto la sostanza. Se il risultato è bellobello e fiquo, è quindi merito dell’animaletto che ci sta sotto… non so, che ci mettiamo? Un Heron? Un Fawn? O un Ibex?

Tutto questo per dirvi che…

Apogeo ABC ha pubblicato la prima delle 4 vignette realizzate appositamente da Terenziani Simone, giovane promessa del panorama fumettistico italiano…

… ed io c’ero! Figa, che orgoglio!

Ora, andate TUTTI a vederle! Una a settimana per 4 settimane, su che sono belle!

20
Nov
07

Dalla vita al blog

Quel che si scrive su di un blog è, almeno secondo me, quel che si vive, o quel che si vede; o, nel caso delle “guide sul pc”, quel che riteniamo sia utile agli altri.

Un blog diventa anche parte, pian piano, del tuo modo di pensare, una forma mentis che ogni tanto fa capolino, e ti fa articolare le tue idee del momento in uno schema organico; penso succeda lo stesso ai giornalisti, anche ai più “fotocopiatori”. Un blog vive perché tu lo fai vivere, e vive ovviamente della tua vita.

Si possono capire una enormità di cose da un blog; e, come sempre accade in questi casi di “sovrainterpretazione”, si può capire tutto ed il contrario di tutto, certamente. Come con le opere d’arte, i cui interpreti temo cerchino di infilare a viva forza nella mano dell’artista temi che la mente del suddetto artista s’è ben guardata dall’immaginare. Ma si può comunque capire anche quel che è lecito capire.

Così, se si conosce una persona, un post può voler dire tante cose tra le sue righe, e perfino un post mai scritto diventa pregno di significato.

Ora, manca comunque una chiave di lettura. Finora ho scritto un post di aforismi e arguti (o meno) esercizi di stile, ma finché non vi dico qualcosa di personale, restano frasi vuote, con una interpretazione molto debole (se fosse per me, vi farei un paragone con alcuni aspetti della logica dei Linguaggi del 1° ordine, ma non voglio tediare me stesso). Continua a leggere ‘Dalla vita al blog’

06
Set
07

Cambio tema

Dove non parlo né di produzioni letterarie né di temi per GNOME, bensì del tema di questo blog, del suo aspetto.

Molti avranno notato i cambiamenti recenti al blog. Beh, ho provato per qualche giorno uno strano tema, Hemingway, che però aveva qualche problema. La versione disponibile su wordpress.com non è molto recente, ed obbliga ad avere, per esempio le date americane (oggi sarebbe il 09/06/2007…). Ma ho dovuto rimuoverlo quando mi sono accorto che nelle pagine (per esempio, qui) non permetteva di avere commenti.

Il tema attuale spero vi piaccia. È molto elegante, parer mio, e semplice. Mi piace, è proprio così (semplice) che immagino un blog, e quindi non penso di cambiarlo per qualche mese, se non per motivi gravi (vedi sopra); ovviamente farò alcune prove per scegliere l’immagine da mettere al posto dello spazio rosso della testata. Se passando di qui vedete una testata che vi piace (o vi fa accapponare la pelle), lasciatemi un commento… almeno posso decidere anche pensando a chi legge!

Stesso discorso per i widgets, ovvero ciò che compare nella barra laterale. Se c’è qualcosa che non vi serve, o vorreste assolutamente trovare, sono a vostra disposizione… Un commento, e si cambia!

Buona giornata, bella gente.

01
Set
07

Piccole notizie oniriche

Pa-parapa-parapa-parapappa-pa-pa…

Ieri sera sono andato ad un concerto, ma concerto vero e proprio, credo sia solo il secondo dei 20 anni (primi, ovviamente, i Mercanti di Liquore!). Non che l’abbia apprezzato enormemente, ha ragione Simone.  Però…

Però stamattina avevo un “souvenir” di ieri sera, del concerto dei Tre Allegri Ragazzi Morti: un orecchio tappato, con uno stupendo fruscio di sottofondo. E con un orecchio così, ho voluto vedere meglio per cosa ho “rischiato di perdere l’udito”. Mi sono scaricato un paio di canzoni dei TARM. Così, per sentirle (questa volta, veramente) con calma…

… e ho rischiato di apprezzarle!!! In particolare un paio, credo resteranno di diritto nella mia “libreria musicale”…

Bén, forse l’unica “notizia” era questa, il concerto di ieri sera. Ma forse, potrei scrivere anche qualcos’altro. Continua a leggere ‘Piccole notizie oniriche’

25
Ago
07

Altro e più tardi

So benissimo che ho “promesso” post su argomenti disparati. Ricordo benissimo anche alcuni, almeno, di questi argomenti. Non posso dimenticare quanta voglia io abbia, in particolari momenti, ovvero spesso nei momenti stessi in cui le cose succedono, di scrivere, di buttare qui qualche mio pensiero.

No, nessuno mi ha chiesto di scrivere nulla, non più. Non succede più, o per rassegnazione o per altro. Ma ciò non toglie che io voglia scrivere. E non toglie neppure che io non scriva. Perché?

Motivo frequente: leggo le cose scritte, e bene, altrove. Di Linux ormai non parlo più, vi sono troppi blog, siti, forum, wiki, e ancora blog, video, video-blog, ed una combinazione di tutte le precedenti. Tutte cose utilissime, ben più di quello che posso scrivere io, e meglio. Lo stesso succede su attualità e cose simili, ma anche su riflessioni mie, personali. Io le scriverei così e così? Trovo qualcuno che ha scritto altro, ma così bene che mi fa pensare “e che vuoi scrivere tu in aggiunta a quello che migliaia di miliardi di persone hanno già scritto?”. E la risposta, la potete intuire, è “assolutamente niente, niente di utile o che meriti”. Tutto qui, no? Continua a leggere ‘Altro e più tardi’

20
Ago
07

20 anni, e sempre lo stesso…

Un saluto ci sta, visto che sono tornato da una vacanza abbastanza lunga, varia ed eventuale, e sono tornato perfino 20enne (!!!)… Beh, magari potrei spiegare cosa ho fatto, dove sono andato… C’è gente che credo dovrei “presentare”, altra gente che dovrei salutare, altri ancora che aspettano di sapere qualcosa di me.

Ci sono molte cose che vorrei scrivere: dalla mia nuova macchina fotografica alle vacanze, e tante altre amenità (no, politica no, ma c’è sempre qualcosa di cui parlare). Sono anche indietro, notevolmente, con la “corrispondenza”, con mail a cui DEVO rispondere, ma che giacciono intonse…

Beh, intanto ci metto il saluto. Il resto verrà…